Le fiamme alla chiesa di San Rocco rafforzano il senso di libertÓ di espressione

Sabato 12 Gennaio - 07:00

L'attentato incendiario alla chiesa di San Rocco di Rovereto solleva un coro unanime di disappunto e di condanna. Religione e politica rimarcano la libertÓ di opinione e l'importanza del dialogo. Il parroco, don Graziola, dice di avere paura ma l'atto in se non tapperÓ certo alcuna voce, garantisce. "Chi ha appiccato il rogo - ha scritto l'Arcivescovo Tisi - alimenterÓ paure ma non riuscirÓ a mandare al rogo il dialogo". Ferma condanna Ŕ stata espressa anche dal Sindaco di Rovereto, Valduga che sottolinea come ogni atto espresso con violenza e con vandalismo vada condannato. Vicinanza al parroco don Graziola viene espressa anche dal segretario della Lega Bisesti.

La nostra Piattaforma multimediale