Esercizi di vicinato: aumentati i contributi

Martedì 24 Gennaio - 17:21

Mantenere i servizi di vicinato nelle aree rurali e strutturalmente deboli, rafforzare i cicli regionali e puntare sui prodotti locali: sono questi gli obiettivi delle misure speciali in base alle quali, dal 2014, la Provincia di Bolzano sostiene finanziariamente il commercio al dettaglio nelle aree rurali. Ora, l'esecutivo, ha deciso di aumentare gli importi dei sussidi per il mantenimento o la prosecuzione delle imprese di vicinato che operano a livello locale. "L'offerta al dettaglio nelle città e la vendita al dettaglio online stanno spingendo sempre più l'offerta locale nelle aree rurali verso una dimensione di nicchia - spiega l'assessore provinciale Philipp Achammer - Tuttavia, i piccoli negozi dei paesi sono fondamentali per la vivacità e la vita sociale delle località periferiche. Per questo motivo vogliamo preservare i cosiddetti servizi di vicinato". A questo fine, è stato innalzato il livello di contribuzione per il mantenimento dei negozi locali esistenti dall'attuale massimo di 9.000 euro fino a 11.000 euro. "Se vengono offerti servizi aggiuntivi - sottolinea Achammer - questo contributo può essere aumentato di altri 1.000 euro, passando dall'attuale massimo di 10.000 euro a un massimo di 12.000 euro". I servizi aggiuntivi possono essere la vendita di quotidiani e riviste, un servizio di consegna gratuita degli acquisti, la vendita di generi di monopolio, l'allestimento di me postazione multimediale con connessione a Internet e servizio di fotocopie, nonché servizi postali. Anche la vendita di prodotti alimentari altoatesini rientra tra i servizi aggiuntivi.

La nostra Piattaforma multimediale

  • 08/02 ore: 07.04

  • 08/02 ore: 06.48

  • 07/02 ore: 23.06

  • 07/02 ore: 23.04

  • 07/02 ore: 21.33

  • 07/02 ore: 20.55

  • 07/02 ore: 19.56

  • 07/02 ore: 18.53

  • 07/02 ore: 14.00

  • 07/02 ore: 13.38